• Dal 30 aprile al 12 giugno, Palazzo Mosca – Musei Civici inaugura la mostra di Antonio Delle Rose intitolata ‘Verrà il Giorno verrà la Notte’, a cura di Bruno Ceci, promossa dal Comune di Pesaro – Assessorato alla Bellezza in collaborazione con Sistema Museo.

    Con i suoi grandi olii e disegni, l’artista pesarese espone immagini di donne e uomini che rappresentano – in forma traslata – gli intervalli di tempo entro cui si delimita ogni esistenza individuale. Delle Rose, che ama definirsi ‘pittore’, lasciando l’indeterminazione insita nel sostantivo ‘artista’ alle contaminazioni e sperimentazioni contemporanee, parla di ritratti solo in tale rapporto.

    La sua figurazione dipinta dichiara apertamente una sentimentale lontananza dalle deprimenti ingiurie del quotidiano. Giorno e Notte non come momenti meteorologici, bensì come punti di delimitazione spirituale, come focalizzazioni espressive. “Eros e Thanatos, ecco i poli magnetici dell’arte di Delle Rose a cui egli non può e non vuole sottrarsi, affondando anzi il taglio della riflessione fin dove sente di poter giungere, e persino oltre”, così Marilena Pasquali in un saggio del 2004 e così il critico d’arte Toni Toniato,  in occasione della grande mostra del 2017 al Museo MUSINF di Senigallia: “Che dire dunque se non che tutto si è rinsaldato di fronte a ciò che i tuoi quadri esprimevano con uno spirito anticonformista – ben lontano dalle mode di immediato successo del momento e rivolti piuttosto a ricercare ancora una volta forme e significati ben più durevoli. La tua pittura non richiede facili consensi, ma esige, come dovrebbe essere per ogni autentica esperienza artistica, profondità di sguardo e ricchezza di pensiero”.

    Oggi lo racconta Bruno Ceci, nel catalogo della mostra: “Antonio è un pittore che da sempre ha fatto proprie le movenze di una coscienza critica, la sola in grado di aprirsi coraggiosamente all’esperienza degli altri, la sola in grado di calarsi entro una prospettiva umana, onde il mondo può riacquistare spessore, con la sua parte di luci e di ombre, di giorno e di notte’.

    Biografia
    Nato a Lecce nel 1953, Antonio Delle Rose ha studiato all’Istituto d’Arte di Pesaro e all’Istituto d’Arte e all’Accademia di Belle Arti di Urbino; nei due istituti successivamente ha insegnato. Nel 1966 inizia la sua partecipazione a concorsi-premi di pittura e nel 1975 viene invitato alla X Quadriennale “Nuova Generazione” romana; seguono mostre in gallerie italiane ed estere e in Fiere d’Arte nazionali. Nel 1986 al Teatro Sperimentale di Pesaro presenta una sua regia teatrale: “Il Cerchio di bronzo”. Ha pubblicato: nel 1979 Tripthucos, nel 1981 Arte e Scienza, nel 1989 un saggio su Osvaldo Licini, nel 1994 la raccolta di poesie Intinti e nel 2014 Arte a Parole; ha collaborato con Roberto Roversi alle riviste di poesia Le Porte (1982) e Numero Zero (1987).

    “VERRÀ IL GIORNO VERRÀ LA NOTTE”
    di Antonio Delle Rose
    Palazzo Mosca – Musei Civici
    30 aprile – 12 giugno 2022

    Inaugurazione sabato 30 aprile h 18

    Orari
    da martedì a giovedì h 10-13, da venerdì a domenica e festivi h 10-13 / 15.30-18.30
    dal 1 giugno > da martedì a domenica e festivi h 10-13 / 15.30-18.30
    Ingresso libero

    Info T 0721 387541 pesaro@sistemamuseo.it

Questo sito utilizza cookies. Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi